sabato 31 dicembre 2011

i Libri del 2011

Il 2011, per me, è stato l'anno dei libri, prevalentemente offline, i.e. cartacei. Quasi cinquanta saggi che hanno ispirato, insieme con le tante segnalazioni e riflessioni lette, condivise e fatte online, il mio Modello Fotovoltaico, presentato poi a Settembre al RomagnaCamp, indiscutibilmente la più bella esperienza dell'anno legata alla mia vita in Rete.

Ispirato da Caterina, voglio quindi proporvi i libri letti in questo 2011. La soluzione non è elegante quanto quella utilizzata dalla prof ma, mi auguro, sufficientemente efficace.


Ho soltanto lavorato un pochino lo sheet prodotto con l'Export della mia libreria su Anobii. Trovate il titolo del libro, l'autore e il mio commento. Ho voluto evidenziare in blu i saggi di carattere politico/sociologico. In arancio quelli legati all'editoria e in viola quelli legati ad un altro importantissimo tema trattato quest'anno nel mio laboratorio, lo schema WIKiD (questo il link alla mia presentazione al ParmaCamp, altra tappa importante di questo 2011, in cui ho cercato di spiegarne il senso e il funzionamento).

Spero possa essere di qualche aiuto. Da domani si comincia una nuova sfida con l'obiettivo di fare meglio; sia nelle letture sia nella scrittura.

3 commenti:

marcofreccero ha detto...

Per quanto riguarda il commercio equo e solidale, credo che al momento debba "rafforzare" le posizioni acquisite. Un po' lo conosco (dei miei amici gestiscono da anni un negozio del genere a Savona), e proprio quest'anno sono riusciti ad ampliare la superficie di vendita. Fanno un lavoro serio e serrato nelle scuole, per educare i giovani ai temi dell'economia solidale, e differente. Ma è un'impresa titanica, i cui risultati forse si vedranno solo negli anni a venire. E saranno pure piccoli, ma non importa: da qualche parte si deve cominciare.

Marco Dal Pozzo ha detto...

Ciao Marco e bentornato da queste parti :)
Si, c'e' bisogno di una operazione di tipo, come dire, culturale. E da mettere in relazione anche ad altri beni. Se hai letto quest'anno qualcuna delle mie riflessioni sai che mi riferisco al bene-comune-conoscenza.

Buon 2012!

marcofreccero ha detto...

Io ti seguo sempre!

Buon 2012!